Comuni

Permesso per festeggiare i 18 anni, l’assassino di Francesco Della Corte fuori dal carcere

loading...

Borrelli e Simioli: “Vergognoso che si permetta al colpevole di un assassinio efferato di uscire dal carcere dopo meno di un anno”

 

Napoli, 10 Settembre – Durante la puntata de “La Radiazza” di martedì è intervenuto Giuseppe Della Corte, figlio di Francesco Della Corte, il vigilante ucciso lo scorso marzo nella stazione della metropolitana di Piscinola, esprimendo tutta la propria amarezza per il permesso premio concesso all’assassino di suo padre per permettergli di festeggiare i suoi 18 anni con tanto di foto sui social.

“Troviamo vergognoso che si permetta al colpevole di assassinio efferato di uscire dal carcere dopo meno di un anno di detenzione per andare a festeggiare i 18 anni – affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” Gianni Simioli – . Così gli si dà un segnale sbagliato. Il percorso di recupero di una persona che ha commesso un crimine così grave deve passare giocoforza da una rieducazione seria e strutturata, che perduri nel tempo. Come ci si può aspettare una redenzione da questo ragazzo se, dopo meno di un anno di detenzione, lo si manda a casa a festeggiare i 18 anni con famiglia, amici e fidanzata?”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.