Politica

Passo carraio antifascista, Gambarini (Cambiamo!): “Pizzarotti copre di ridicolo la città”

Parma, 30 Ottobre – “Vuoi avere un passo carraio davanti al tuo cancello? Devi dichiarare di essere antifascista. Non è un scherzo di Halloween ma l’ultima trovata del sindaco di Parma Pizzarotti che le studia tutte per avere visibilità, anche la conseguenza è coprire di ridicolo la città, peraltro con scarso risultato elettorale visti i risultati che ha ottenuto con +Europa. Ormai sembra proprio che Pizzarotti abbia perso il senso delle realtà e viva in un modo tutto suo, dove l’unico modo per passare il tempo è pontificare su qualsiasi cosa e fare la gare a chi è più antifascista.

Un sindaco che passa il proprio tempo a pensare a queste o ha una città senza alcun problema o non ha la minima contezza di cosa accade nella sua città. Nel nostro caso l’ipotesa giusta è la seconda: Pizzarotti non ha la minima idea di cosa accade a Parma, altrimenti penserebbe a come rendere Parma più sicura o a come valorizzare le nostre bellezze. Insomma, di certo non perderebbe tempo a partecipare alla gara per il più antifascista d’Italia, coprendo di ridicolo la città. Di certo Parma non ha bisogno di pubblicità di questo tipo”.

Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale di Cambiamo!


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa