Comuni

Panchina rossa a Sperone, i giovani contro la violenza sulle donne

Sperone, 20 Dicembre – Ieri a Sperone (AV), in occasione della cerimonia inaugurale per l’installazione di una panchina rossa, si è tenuto, presso l’aula consiliare del Comune, un dibattito sul tema della violenza di genere. All’iniziativa, promossa dalla Commissione Regionale Pari Opportunità della Regione della Campania, sono intervenuti la Presidente della CPO Campania Natalia Sanna, il Sindaco del Comune di Sperone (AV) Marco Santo Alaia, la Presidente del Consiglio Regionale della Campania Rosa D’Amelio, la Vice-sindaca del Comune di Sperone (AV) Elvira Tortora, il Consigliere Regionale Maurizio Petracca, il Cons. Comunale alle Politiche Giovanili del Comune di Sperone (AV) Antonio Maietta e Maria Lippiello, Componente della Commissione Pari Opportunità della Regione Campania.

E’ stata una cerimonia emozionante, preceduta dal monologo “Sono solo parole” di Paola Cortellesi e dalle testimonianze dei ragazzi provenienti dai plessi dell’I.C. Giovanni XXIII di Sperone. L’iniziativa è stata introdotta dal primo cittadino che ha sottolineato l’importanza per la sua comunità di avere un segno tangibile, un simbolo forte al contrasto alla violenza sulle donne. È seguito l’intervento della Presidente del Consiglio Regionale Rosa D’Amelio che ha evidenziato “quanto un percorso di educazione alle differenze nelle scuole sia fondamentale per un cambio culturale e per alimentare un processo di consapevolezza nella società, dove ancora molte donne sono vittima di discriminazioni o di violenze, ma anche per prendere coscienza e valorizzare la presenza femminile e le pari opportunità nei luoghi di lavoro, nell’impresa, nei contesti familiari e sociali, in politica”.

La vice- sindaca Elvira Tortora ha sottolineato che l’iniziativa è stata fortemente voluta dall’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Alaia, e quanto ancora bisogna fare per contrastare un fenomeno che dilaga e che è diventata un’emergenza culturale. Nell’intervento della Presidente della CPO della Campania Natalia Sanna è stato sottolineato il lavoro della Commissione Pari Opportunità della Campania sul territorio regionale a difesa delle donne e per le donne e di quanto sia importante fare un lavoro di sinergia per il contrasto alla violenza di genere. Ha concluso il suo intervento ricordando che la panchina rossa serve a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della violenza contro le donne e a mantenere viva l’attenzione sulla violenza di genere, che colpisce tutti i giorni e che spesso si insinua tra le mura domestiche, tra omertà e paura”. Il consigliere Antonio Maietta, che ha guidato gli alunni e le alunne nelle loro testimonianze, ha precisato “quanto sia importante il lavoro con le scuole e con i giovani per l’educazione alle differenze e quanto un simbolo così tangibile può essere utile per scuotere le coscienze”.

Maria Lippiello, nel suo intervento ha ricordato che “la “panchina rossa” è un progetto ideato e promosso dagli Stati generali delle donne a cui la Commissione Pari Opportunità della Regione Campania ha aderito. L’obiettivo che ci si pone attraverso il progetto “la Panchina rossa” è quello di responsabilizzare soprattutto i giovani nel rapporto con le donne perché non solo il 25 novembre, ma ogni giorno è importante per sensibilizzare e informare sul tema della violenza di genere. Diffondendo le panchine sul territorio, il progetto degli Stati Generali delle Donne lancia un messaggio contro la violenza sulle donne e si fa carico dell’urgenza di realizzare la parità di genere. Si tratta di un modo, quindi, per alimentare un processo di consapevolezza nella società, dove ancora molte donne sono vittima di discriminazioni o di violenze, ma anche un’occasione per dialogare con i giovani e richiedere a gran voce che nessuna istituzione, nessun governo possa più sottrarsi a trovare soluzioni ad un problema così complesso”, conclude Maria Lippiello.

Chiude i lavori il Cons. Maurizio Petracca che sottolinea “l’importanza di legiferare su un tema così complesso e sempre attuale e che l’attenzione delle istituzioni deve essere sempre alta”.

Partire dalle scuole, dai ragazzi, aiutare loro a conoscere le differenze, senza pregiudizio alcuno, è l’unico e auspicabile modo per avere un mondo migliore, concludono tutti i presenti, ricordando l’obiettivo reale di questi progetti: NON UNA DI MENO. Mai più!


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa