Comuni

Napoli, varchi d’ingresso aperti e orde di portoghesi senza biglietto nella stazione Piscinola della metropolitana

Napoli, 4 Aprile – “Ci è giunta una segnalazione circa la stazione Piscinola della metropolitana linea 1. Il video mostra come orde di portoghesi superino i tornelli senza pagare il biglietto, servendosi di alcuni varchi aperti. Si tratta di una situazione che abbiamo già denunciato mesi fa, comune anche ad altre stazioni. Ci chiediamo cosa faccia il personale deputato al presenziamento dei tornelli di accesso. L’ingresso di migliaia di viaggiatori senza biglietto rappresenta un grave danno economico per l’Anm. E’ necessario ristabilire al più presto la legalità, chiudendo i varchi e obbligando tutti i viaggiatori a obliterare il titolo di viaggio”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale del Sole che Ride Marco Gaudini. “Mentre i portoghesi fanno i loro comodi – proseguono Borrelli e Gaudini – coloro che vogliono acquistare il biglietto si ritrovano spesso in difficoltà a causa delle continue avarie dei distributori automatici. In molte stazioni, quando i chioschi chiudono, diventa impossibile munirsi del titolo di viaggio. Occorre un’opera di manutenzione straordinaria di tutti i distributori presenti lungo la rete per permettere ai viaggiatori di acquistare il biglietto senza disagi”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa