Comuni

Napoli, sei anni fa moriva Salvatore Giordano: colpito dai calcinacci nella galleria Umberto I

Napoli, 6 Luglio – Sono trascorsi sei anni dalla morte di Salvatore Giordano, il 14nne di Marano che fu colpito dalla caduta di calcinacci all’interno della Galleria Umberto I di Napoli il 5 luglio 2020.

Trasportato all’ospedale Loreto Mare il ragazzo morì a causa dello schiacciamento del torace e del grave trauma cranico subito.

“Sono passati sei anni eppure i genitori di Salvatore non solo non hanno avuto giustizia ma non hanno neanche mai ricevuto delle scuse ma anzi per quella vicenda si è continuato a fare lo scaricabarile. Ricordiamo che ancora oggi la situazione in galleria rimane invariata, con i lavori rimasti in sospeso e la presenza delle strutture di sostegno.

Oggi ricordiamo Salvatore affinché la sua morte non sia vana ma possa servire, e ci batteremo perché sia così, ad evitare altre tragedie a causa della scelleratezza e dell’irresponsabilità di chi dovrebbe mettere in sicurezza luoghi ed edifici pubblici. Salvatore morì da eroe, lui si accorse della caduta dei calcinacci e riuscì a spingere fuori i suoi amici ma per lui non ci fu scampo. Questo atto eroico dovrà essere ricordato sempre e gli si dovrà rendere onore e giustizia. “– hanno dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi-Europa verde Francesco Emilio Borrelli ed il conduttore radiofonico de La Radiazza Gianni Simioli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa