Comuni

Napoli, Scampia. “Stava violentando i suoi 3 figli!”: il grido di rabbia del quartiere, poi parte il linciaggio [Video]

loading...

Napoli, 15 Maggio – Massacrato di botte, pieno di sangue e ferite, poi buttato nel cassonetto della spazzatura. È ciò  che è successo ad un uomo  alla periferia di Napoli, precisamente a Scampia nei pressi della Vela Celeste. Stando alle testimonianze dei residenti del quartiere l’uomo abusava dei suoi 3 figli.

Gli uomini della Polizia di Stato sono dovuti intervenire con decine di unità per placare la sommossa, hanno dovuto formare un cordone di protezione che impediva ai residenti di raggiungere l’uomo.

L’aggredito  è  stato trovato nel cassonetto della spazzatura, privo di sensi con molteplici ferite ed indumenti sporchi di sangue.

Trasportato al Cardarelli, sembra non essere in pericolo di vita.  I bambini, suoi figli, sono stati portati all’Ospedale del Mare per accertarne la violenza, ma da quanto riporta “InterNapoli” non sembra abbiano subito abusi.

Continuano le indagini degli investigatori per capire quale sia stato il fattore scatenante della brutale aggressione. Difficile credere, anche guardando il video, che sia stato tutto un errore, dato che in una città come Napoli sanno tutti la sacralità dei bambini:“i bambini non si toccano”, è il motto per eccellenza per vivere sereni nella metropoli Partenopea.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.