Comuni

Napoli, nuovi giardinetti di piazza Garibaldi non sono stati ancora inaugurati ma sono già preda del degrado: tra gli alberi appare una casupola di un senzatetto

Verdi: “Gravissimo che si permetta una cosa del genere, chi controlla il cantiere? Abbiamo inviato una nota al Comune di Napoli”

 

 

Napoli, 30 Maggio – “Alcuni cittadini ci hanno segnalato la presenza della casupola, allestita da un senzatetto, all’interno dei nuovi giardinetti di piazza Garibaldi. L’area non è stata ancora inaugurata, è recintata, ma è già preda del degrado ed è evidentemente priva di controllo. E’ molto grave che si permetta una cosa del genere in un’area che non è stata ancora aperta al pubblico. Come sarà ridotta quando sarà inaugurata? Sarà già un porcile?”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e dal consigliere del Sole che Ride alla II Municipalità Salvatore Iodice. “Ci chiediamo inoltre chi si occupa del controllo dell’area di cantiere. Abbiamo inviato una nota al Comune di Napoli per evidenziare questo caso che, tra l’altro, rappresenta un potenziale pericolo anche per l’occupante della casupola. Occorre smantellare quel giaciglio, trovare una collocazione più dignitosa al senzatetto per le ore notturne e allestire un servizio di sorveglianza che faccia in modo che l’accesso all’area sia consentita esclusivamente a chi lavora all’interno del cantiere”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa