Comuni

Napoli, nuovamente sfregiato il murale della Tarantina ai Quartieri Spagnoli

Verdi: “Gesto che trasuda degrado e intolleranza. Non è una semplice bravata, occorre arginare questa deriva”

 

Napoli, 26 Febbraio – “Lunedì sera il murale della Tarantina ai Quartieri Spagnoli è stato nuovamente vandalizzato. Qualcuno ha strappato via il poster che l’artista Vittorio Valiante aveva apposto in seguito al primo sfregio. Non è una bravata, è qualcosa di più grave e profondo”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere del Sole che Ride alla II Municipalità Salvatore Iodice.

“Il gesto trasuda degrado. Rappresenta il modo di pensare di alcune persone che, con prepotenza, vogliono far prevalere l’omofobia e l’odio nei confronti del prossimo. Occorre prendere coscienza di questa deriva e fare muro contro chi vive nel livore e vuole imporre la propria intolleranza”. “Queste persone, però, non l’avranno vinta. Esiste una Napoli diversa, figlia di una storia lunga millenni fatta di accoglienza e rispetto della diversità. Proprio i Quartieri Spagnoli, nel Novecento, sono stati il luogo del cuore dei ‘Femminielli’, amati e rispettati dall’intera comunità. Evidentemente chi scrive ‘Non è Napoli’ e vandalizza l’opera non conosce la storia del luogo in cui è nato”, concludono Borrelli e Iodice.  


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa