Comuni

Napoli, materassi stipati sul tettuccio di un’automobile sul raccordo autostradale

loading...

Borrelli e Simioli: “Modo di fare incivile e pericoloso, abbiamo girato il video alle autorità. Serve stretta della polizia stradale contro questi fenomeni”

 

Napoli, 19 Marzo – “Ci è stato segnalato un video, realizzato lungo il raccordo autostradale di Napoli, in cui si nota un’automobile che trasporta numerosi materassi sul tettuccio. Il materiale, assicurato in maniera instabile, sporge da ogni lato, rappresentando un pericolo per il conducente e per tutti gli altri automobilisti. Un modo di fare incivile che mette a repentaglio la sicurezza”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e dal conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Questa segnalazione rappresenta l’ultimo capitolo di una lunga serie. Trasportare materiali ingombranti su automobili e scooter è un modo di fare consolidato nella mentalità degli incivili. Faremo pervenire il video alla polizia per permettergli di identificare e sanzionare il conducente dell’automobile.

Chiederemo inoltre alla stradale e alla polizia municipale una stretta avversa al fenomeno. Strade cittadine, tangenziale e autostrada devono rappresentare un luogo sicuro dove nessuno può permettersi di rappresentare un pericolo per la sicurezza altrui”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.