Comuni

Napoli, Icm via Brecce. L’assessore Del Giudice annuncia: “Svuotamento quasi completo, poi si procederà con la sanificazione”.

Borrelli (Verdi): “Notizia positiva, breve effettueremo un nuovo sopralluogo. Monitoriamo la situazione con attenzione”

 

 

Napoli, 29 Ottobre – “Accogliamo con favore le parole dell’assessore all’Ambiente del Comune di Napoli Raffaele Del Giudice che ha riferito del quasi totale svuotamento dell’Icm di via Brecce. Dal sito stanno via via scomparendo le frazioni di rifiuti maleodoranti. Restano poche tonnellate da rimuovere. Successivamente, come confermato da Del Giudice, si procederà con la sanificazione. Un passo fondamentale per eliminare il disagio che, negli ultimi mesi, ha afflitto i residenti nelle aree circostanti”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Continueremo a monitorare la situazione dei rifiuti con attenzione, anche in relazione ai ritardi nel ritiro che hanno caratterizzato gli ultimi giorni. Nei prossimi giorni effettueremo un nuovo sopralluogo presso l’Icm di via Brecce per accertarci dell’effettivo svuotamento del sito e della successiva sanificazione. Occorre chiudere questo capitolo in maniera definitiva, l’impianto di via Brecce deve essere destinato all’accoglimento di rifiuti che non emanano cattivi odori”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa