Comuni

Napoli, Giglio (Confapi):”Su social ondate d’odio contro le donne”

loading...

La vicepresidente Confapi Napoli: allarmano ultimi episodi contro Giorgia Meloni

Napoli, 29 Agosto – «Non smettono mai di far danno gli uomini che odiano le donne sia con le azioni che con le parole. Gli ultimi episodi, che colpiscono Giorgia Meloni e la statua “Sophia”, dedicata alla vittima di un femminicidio e vandalizzata a Massa, testimoniano che siamo davanti a un’emergenza culturale oltre che criminale». A dirlo è Antonella Giglio, vicepresidente di Confapi Napoli.

«Non bisogna mai abbassare il livello di guardia e di attenzione su questo dramma che ogni anno colpisce migliaia e migliaia di donne di tutte le estrazioni sociali e di tutte le età – ha aggiunto –. Con ConfapiD donne, il dipartimento rosa della nostra associazione, mettiamo in campo con impegno e determinazione tutte le possibili risorse per sensibilizzare ed educare al tema della difesa di genere e per difendere le donne da tutte le forme di violenza, come peraltro prevede il nostro Statuto».

«Quanto si è verificato alla Meloni, una donna e una mamma ancor prima di un leader politico, è sintomatico di un imbarbarimento sociale a tutti i livelli che trova una ingiustificabile valvola di sfogo nei social che diventano il piedistallo virtuale da cui far sfoggio del peggio del proprio essere».

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.