Comuni

Napoli, familiari invadono un’area condominiale per colloquiale illegalmente con i detenuti del carcere di Poggioreale attraverso una finestra dell’infermeria

loading...

Verdi: “Abbiamo inviato una nota alla direzione della struttura chiedendo di effettuare le verifiche del caso”

 

 

Napoli, 28 Agosto – “Un cittadino ci ha segnalato che il condominio in cui abita, adiacente il carcere di Poggioreale, è invaso di continuo da familiari e amici dei detenuti che si posizionano lungo un vialetto privato posto in corrispondenza di una finestra che, secondo quanto ci è stato descritto, apparterrebbe ai locali che ospitano l’infermeria della struttura. Attraverso la finestra i detenuti, affacciandosi, riuscirebbero a tenere dei colloqui assolutamente illegali con familiari e amici”.

Lo rende noto il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Dinanzi ad una segnalazione tanto grave e circostanziata abbiamo inviato una nota alla direzione della struttura chiedendo di effettuare le verifiche del caso. Qualora queste ultime confermassero quanto descritto dal cittadino saremmo di fronte ad un fatto eccezionalmente grave che determinerebbe l’insorgere di una responsabilità disciplinare a carico di chi permette ai detenuti di colloquiare con soggetti esterni al carcere al di fuori delle modalità previste dalla legge”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.