Comuni

Napoli, ennesimo rogo di cassonetti in pieno centro: coltre di fumo inquinante a due passi da piazza Plebiscito

Verdi: “Secondo caso in pochi giorni, temiamo esista strategia per creare un’emergenza”

 

Napoli, 3 Aprile – “Martedì notte è stato appiccato il fuoco ai cassonetti della raccolta differenziata di via Cesario Console, a due passi da piazza del Plebiscito. Le fiamme hanno generato una densa coltre di fumo inquinato che ha investito la vicina piazza e l’area di Santa Lucia”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e dal consigliere comunale del Sole che Ride Marco Gaudini. “E’ il secondo episodio in pochi giorni. La settimana scorsa furono dati alle fiamme i cassonetti della raccolta differenziata di via Toledo, a poche centinaia di metri da qui. Questa sequenza di eventi ci preoccupa non poco. Temiamo che dietro i continui roghi di cassonetti possa esserci una precisa strategia volta a determinare una situazione emergenziale.

Al di là del gesto delinquenziale c’è da tenere conto dell’inquinamento dell’etere generato dal fumo che finisce per investire le strade e le abitazioni. Questi episodi non fanno altro che aumentare il clima di insicurezza che, dopo una certa ora, investe l’intera zona. Dal lungomare a piazza Carità, passando per piazza Trieste e Trento, sono teppisti, malintenzionati e baby gang a farla da padrone”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa