Comuni

Napoli, Cinque agenti di polizia penitenziaria nella banda musicale del corteo al seguito della sposa di Tony Colombo: sospesi dal Dap

Verdi: “Vergogna inaccettabile, possiamo definirlo il matrimonio dell’illegalità. L’amministrazione penitenziaria irroghi sanzioni esemplari”

 

Napoli, 3 Aprile – “Restiamo sconcertati dalla notizia della presenza di cinque agenti della polizia penitenziaria nella banda musicale del corteo al seguito della sposa in occasione del matrimonio di Tony Colombo. Un corteo che, ricordiamo, ha bloccato il traffico a Secondigliano. Un fatto vergognoso e assolutamente ingiustificabile. I cinque sono stati sospesi dal Dipartimento di amministrazione penitenziaria. Auspichiamo che il procedimento disciplinare a loro carico si concluda con una sanzione esemplare”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “I cinque agenti sono stati traditi dai video apparsi sui social che hanno permesso la loro identificazione tra i membri della banda musicale al seguito della sposa. Si tratta di trombettieri nella banda musicale del Corpo di stanza a Portici. E’ incredibile il numero di fenomeni illegali che si sono verificati in occasione di questo matrimonio. Ogni giorno ne emerge uno. Speriamo che questo sia l’ultimo. Il danno di immagine alla nostra città è già abbastanza grave”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa