Politica

Napoli, Borrelli(Verdi): “Occorre prorogare la scadenza delle polizze auto per le vetture ferme a cause delle restrizioni per il Coronavirus. Riduzione notevole anche di sinistri in Campania”

Napoli, 6 Aprile – “Con l’emergenza sanitaria da coronavirus in corso e le relative misure restrittive, le auto dei cittadini sono ferme in strada, nei garage o nella box, non potendo essere utilizzate e quindi gli automobilisti si sono ritrovati, di fatto, ad aver pagato parte delle polizze Rc auto per un periodo di tempo in cui non possono usufruire delle vetture. Inoltre risultano ridotti di oltre il 90% i sinistri stradali in Campania e quindi le compagnie in questi mesi stanno solo incassando senza avere il problema dei sinistri.

Quindi ci sembra giusto e corretto che siano presi dei provvedimenti affinché le polizze auto abbiano delle proroghe, cioè il tempo in cui i veicoli sono fermi, a causa dell’emergenza, deve essere aggiunto alla scadenza pre-stabilita dell’assicurazione. Facciamo un esempio, ammettiamo che i mesi di stop siano due e che la polizza Rc auto di un tale cittadino scada il 30 giugno allora la data dovrà essere prorogata al 30 agosto.”- ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli in merito alla situazione dei veicolo fermi a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa