Comuni

L’ordinanza della Regione Campania prevede la fruizione delle spiagge libere ma molti sindaci le tengono chiuse

Napoli, 29 Maggio – L’ordinanza del 22 maggio della Regione Campania prevede la possibilità di usufruire delle spiagge pubbliche, rispettando le normative di sicurezza per evitare contatti ed eventuali contai da covid-19, ma sembra che molti sindaci dei Comuni della costiera campana abbiamo preferito interdire temporaneamente l’accesso e la fruizione delle spiagge libere non potendone assicurare il rispetto del distanziamento sociale e della sicurezza.

“Le spiagge ed il mare dovrebbero essere un bene comune ed allora, soprattutto in questo momento storico in cui vi è una forte crisi economica figlia dell’emergenza sanitaria, è fondamentale garantire a tutti l’accesso alle spiagge pubbliche. Ci rendiamo conto che vi possano sere delle difficoltà tecniche, a causa del ridotto numero di personale nei Comuni, nel vigilare le aree in questione per far rispettare le normative di sicurezza ed allora proponiamo, e lo facciamo attraverso una nota inviata ai sindaci dei Comuni della costa, che come personale della vigilanza possano essere reclutati dei volontari e persone che percepiscono il reddito di cittadinanza. Anche noi Verdi ci proponiamo come volontari, crediamo fortemente nel diritto di usufruire delle spiagge libere.”– ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa