Magazine

La Radio, dall’analogico al digitale: incontro con lo speaker Angelo Martino

loading...

Napoli, 1 Febbraio – La radio, diversamente dagli altri media, ha avuto la capacità di cambiare la sua pelle cogliendo i mutamenti della società. Fin dalla sua nascita ha attraversato numerose trasformazioni: da intrattenimento famigliare è diventata un mezzo di fruizione personale; da elegante mobile da salotto si evolve in sistema di comunicazione aperto alla partecipazione attiva degli ascoltatori. Nata in regime di monopolio, negli anni Settanta vide nascere intorno a se una miriade di consorelle. Per decenni si è diffusa nell’etere e da qualche anno ha trovato nuove vie di trasmissione, pronta all’appuntamento con internet e i social network, aprendo la strada a nuove forme culturali, innumerevoli funzioni e usi sociali.

L’interessante incontro con Angelo Martino, storico speaker radiofonico, ci offre l’opportunità, attraverso la sua esperienza passata e i sui progetti futuri, di intraprendere un affascinante viaggio nel mondo della radiofonia: dall’analogico al digitale. “La radio – ama ripetere Shawn Corey Carter, rapper e produttore discografico statunitense – mi ha fatto pensare più in grande. Mi ha fatto pensare a dove avrebbe potuto condurmi il potere delle parole”, e aggiunge Angelo Martino ”la libertà di sentire l’inebriante forza della musica”.

LE RADIO LIBERE. “Ho iniziato la mia avventura radiofonica, – afferma Martino –  quando le radio avevano la denominazione di “radio libere”, che si contrapponevano ai canali tradizionali, come quelli per esempio della rai. Il mio è stato un lunghissimo e affascinante percorso, dal 76’ fino al 2021. La radio è da sempre  il mio mondo. Poi sono arrivate le produzioni televisive sulle maggiori emittenti campane. Ho vissuto in pieno gli straordinari anni 80’, che tanto hanno influenzato la musica. In quegli anni nasce infatti la disco music e altre interessanti tendenze musicali, cosiddette “evergreen”, ancora oggi in voga. In sintesi, ho vissuto l’intero percorso radiofonico che parte dall’analogico, fino ad oggi con l’avvento del digitale. Come dimenticare – prosegue –  le origini della radio, anni romantici quelli dell’analogico! Gli speaker erano incollati davanti a due piatti, il fatidico mixer e il microfono e tutto era sospeso a un filo di perenne incertezza, spesso accadeva che la “puntina” solcando il 45 giri o il 33, dischi in vinile, faceva i capricci …..veri momenti di panico! Qui subentrava la fantasia dello speaker per rimettere le cose a posto…Oggi invece è tutto più semplice, rigorosamente tecnologico: basta un semplice clik per mandare in onda un file musicale, e il gioco è fatto!”

L’approdo della radio sul web comporta un’ulteriore evoluzione, infatti si assiste al passaggio dall’analogico al digitale. La nascita dello streaming permette all’apparecchio radiofonico di penetrare all’interno dei dispositivi tecnologici.  La radio si presenta sotto una veste nuova. “La radio, –  puntualizza Angelo Martino –  in più di 40 anni ha subito delle incredibili trasformazioni. L’avvento del digitale ha semplificato completamente le dinamiche tecniche, ma nonostante ciò, devo confessare, tutto questo mi provoca una particolare sofferenza. Credo che, nonostante i vantaggi che oggi offre la tecnologia, il risvolto della medaglia è  comunque particolarmente penalizzante: è andata sfumando quella meravigliosa libertà di azione di un tempo. Oggi lo speaker è un po’ spersonalizzato, soggetto a delle precise direttive. Quindi se un tempo era lui a scegliere la propria musica, secondo anche l’ispirazione dello stato d’animo del momento. Oggi, invece, è tutto condizionato,  imposto dall’alto, dalle case discografiche che, giustamente, hanno esigenza di vendere il loro prodotto. Diciamo che si è persa un po’ di quella poesia che offriva la radio di un tempo…”

LA NUOVA AVVENTURA: LA WEB RADIO.Forse sono stati questi i motivi che mi hanno allontanato da ciò che ho sempre portato nel cuore. Poi la grande novità del web, che ha visto fiorire una moltitudine di web radio. Questa nuova rivoluzione –  osserva lo speaker – ha riportato indietro le lancette del tempo, ma anche quelle del mio cuore. Il web, in definitiva, ha riconsegnato allo speaker la libertà di un tempo, sembra un paradosso ma è proprio così! Adesso è possibile programmare la musica che più si avvicina ai propri gusti e così come accadeva al tempo delle radio libere, si è più liberi anche nel dire ciò che si desidera. In virtù di questo piacevole ritorno alle origini, ho avuto modo di iniziare una collaborazione con Radio Mela, una delle radioweb italiane più ascoltate, che irradia oltretutto solo musica anni 80’. Mi appresto dunque ad intraprendere questo nuovo percorso che mi ha ridato grande entusiasmo e voglia di fare. Ogni mercoledì, dalle 21.00 alle 23.00, proporrò, finalmente, la mia musica! Tutti i grandi successi internazionali dal 76’ fino al 90’. A tale proposito desidero ringraziare per questa entusiasmante opportunità, il patron di Radio Mela, Maurizio la Rosa.

MESSAGGIO AI GIOVANI. “Mi lasci la possibilità di fare un appello ai giovani. Senza dubbio è positivo sfruttare la tecnologia e tutti i vantaggi che essa offre, ma è molto importante, in ogni caso, collocare la libertà sempre al primo posto, questo è il valore più prezioso. Un consiglio a chi intendere intraprendere le affascinanti strade del mondo della radio? Mi figlio Silvio è uno di quei giovani che ha dentro la mia stessa passione. Ha iniziato a fare radio giovanissimo, ricalcando quella che è stata la mia esperienza. Ciò che mi rende felice è senza dubbio la sua voglia di libertà e coscienza di esprimere il suo pensiero, condizione indispensabile in questo mondo. Ha iniziato un programma a radio Punto Zero, importante realtà radiofonica campana, un’esperienza al momento sospesa per dare spazio allo studio, visto che l’esame di maturità incalza… Ecco il consiglio che propongo a tutti i giovani: essere sempre se stessi, seguire il proprio cuore, senza dimenticare il fondamentale rispetto delle regole”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.