Politica

La guerra dei graffiti di 1up devasta Napoli. Verdi: “Si tratta di un movimento vandalico che sta imbrattando la città.”

loading...

Napoli, 13 Gennaio – La 1up, acronimo di One United Power, è una crew, ovvero una congrega, di un numero precisato di Writers e proveniente da Berlino che ha scatenano una vera e propria guerra di graffiti mondiale.
Da qualche mese il fenomeno 1up ha preso piede a Napoli, nel centro storico, infatti, diversi edifici, storici, monumenti e mura sono ricoperti da scritte, realizzate con bombolette spray, che riportano il citato acronimo.

Il Consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e quello della II Muncipalità del Sole che Ride Salavatore Iodice accusano-:“Il centro storico di Napoli è totalmente infestato da queste scritte che, brutalmente, offendono le facciate di edifici storici, chiese e monumenti ed è inaccettabile. Questi graffiti non sono un abbellimento per la città e non sono comunicazione, rappresentano solo un indecente vandalismo e voglia di protagonismo. Il fenomeno 1up sta dilagando in modo preoccupante. Occorre preservare e tutelare in particolare i nostri monumenti, le facciate dei palazzi storici e le nostre strade che sono patrimonio della nostra cultura, nonché di quella mondiale.  Bisogna attivarsi per individuare i membri di questo movimento vandalico e procedere alle denunce, lo scempio deve finire.”

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.