Politica

La guerra dei graffiti di 1up devasta Napoli. Verdi: “Si tratta di un movimento vandalico che sta imbrattando la città.”

Napoli, 13 Gennaio – La 1up, acronimo di One United Power, è una crew, ovvero una congrega, di un numero precisato di Writers e proveniente da Berlino che ha scatenano una vera e propria guerra di graffiti mondiale.
Da qualche mese il fenomeno 1up ha preso piede a Napoli, nel centro storico, infatti, diversi edifici, storici, monumenti e mura sono ricoperti da scritte, realizzate con bombolette spray, che riportano il citato acronimo.

Il Consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e quello della II Muncipalità del Sole che Ride Salavatore Iodice accusano-:“Il centro storico di Napoli è totalmente infestato da queste scritte che, brutalmente, offendono le facciate di edifici storici, chiese e monumenti ed è inaccettabile. Questi graffiti non sono un abbellimento per la città e non sono comunicazione, rappresentano solo un indecente vandalismo e voglia di protagonismo. Il fenomeno 1up sta dilagando in modo preoccupante. Occorre preservare e tutelare in particolare i nostri monumenti, le facciate dei palazzi storici e le nostre strade che sono patrimonio della nostra cultura, nonché di quella mondiale.  Bisogna attivarsi per individuare i membri di questo movimento vandalico e procedere alle denunce, lo scempio deve finire.”


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa