Comuni

La Giornalista Giuliana Covella costretta a risarcire l’ex boss per danno d’immagine: parte un’iniziativa per sostenerla

loading...

Napoli, 14 Maggio – Nel dicembre 2019 la giornalista Giuliana Covella è stata condannata pagare un risarcimento al boss Giuseppe Misso per danni d’immagine, ora collaboratore di giustizia, per un articolo pubblicato su ‘il Mattino’ e per quanto scritto nel libro ‘Rapido 904, la strage dimenticata”.

“Siamo senza parole per questa situazione. Oramai essere onesti sta diventando una colpa. È l’ennesimo attacco ad una giornalista la cui colpa è stata quella di aver fatto il proprio lavoro, di aver detto la verità. Si è limitata a scrivere ciò che era stato riportato negli atti processuali. Ma l’immagine di un boss la rovina una giornalista o le sue azioni criminali?

Giuliana Covella ha tutto il nostro sostegno e ed il nostro appoggio. Dovrà pagare una somma, oggi arrivata a 17.412,12 euro, che per una giornalista freelance, precaria da anni, è insormontabile, per questo chiediamo a tutti, a chi può farlo, di darle una mano, inviando una donazione al seguente conto corrente: IT64K0200803444000105853195-CAUSALE: AIUTIAMO GIULIANA.” –hanno dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore radiofonico Gianni Simioli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.