Attualita'

“Il detenuto è uno dei noi”, vergogna su Facebook: la pagina che accusa i pentiti, parla male delle forze dell’ordine e inneggia all’omertà

loading...

Borrelli (Verdi): “Ennesimo caso di questo tipo, sui social esiste un sottobosco di luoghi dove si inneggia a delinquenza e atteggiamenti omertosi. Questa pagina si nasconde dietro messaggi di solidarietà ai detenuti per diffondere messaggi vergognosi. Abbiamo segnalato alla polizia postale”

 

 

Napoli, 26 Settembre – “Ci è stata segnalata una nuova pagina della vergogna su Facebook, “Il detenuto è uno di noi”. Uno spazio dove, nascosti dietro un apparente messaggio di solidarietà ai detenuti, si nascondono delle frasi contro i pentiti e le forze dell’ordine e a favore dell’omertà. Un ennesimo luogo di proselitismo criminale dove vengono diffusi concetti esecrabili e contrari alla legalità”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Purtroppo – prosegue Borrelli –  non è il primo caso di pagina che inneggia all’illegalità. Sui social esiste un vero e proprio sottobosco di spazi dove si parla senza peli sulla lingua di delinquenza. Pagine dove si accusano i pentiti e dove si inneggia all’omertà. Da parte nostra proseguirà la lotta senza quartiere a questo tipo di fenomeni. Abbiamo già segnalato le attività di questa pagina alla polizia delle Telecomunicazioni, chiedendo di adottare provvedimenti”.

 

 

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.