Sports

Gattuso 2.0: il Napoli 20-21 vola. Le novità e le aspettative per il futuro

loading...

Napoli, 22 Settembre – Buona la prima per il Napoli di Gennaro Gattuso che vince al Tardini di Parma nella prima gara di campionato e si regala tre punti che fanno ben sperare in vista di una stagione che si annuncia avvincente più che mai.

La squadra partenopea si presenta a Parma con tante certezze e qualche incognita. All’inizio i nuovi acquisti sono tutti in panchina e Gattuso conferma il classico 4-3-3 con Insigne, Mertens e Lozano in attacco a sostituire Josè Maria Callejon. Demme e Ospina vincono gli altri due ballottaggi con Lobotka e Meret. Nel Parma, che non ha più Kulusevski e ha Gervinho ko e Kurtic squalificato, Liverani sceglie il 4312. Kucka è l’uomo dietro le due punte, Cornelius e Inglese. Ma il primo tempo, in realtà, non regala occasioni da gol. Il primo (e unico) tiro nello specchio della frazione è di Inglese, e che Ospina para facilmente. Mertens ha una chance di testa ma non inquadra lo specchio, così come Ruiz da fuori al 42′.

Nella ripresa arriva la svolta con l’ingresso in campo di Victor Osimhen, l’acquisto più caro della storia del Napoli. Il nigeriano entra al 61’ ed è subito decisivo mettendoci lo zampino sul cross di Lozano prima che il pallone vada a Mertens per lo 0-1 al 64′. Col 442 super offensivo (Zielinski e Ruiz centrali, Lozano e Insigne gli esterni con davanti Osimhen vicino a Mertens) è trasformazione. Gol dell’1-0, palo di Insigne su assist di tacco del baby talento ex Lille e poi occasione anche per Lozano su cross del suo capitano.

Liverani sceglie allora Dezi e Karamoh come contromossa, ma ormai la partita è nelle mani del Napoli. Su una palla persa dei padroni di casa Insigne corregge in rete la parata di Sepe su Lozano e chiude il match. Osimhen si avvicina di nuovo al palo, poi entrano Elmas (nuovo numero 7) e Politano, anche lui vicino alla rete col mancino dal limite, la sesta (e ultima) occasione da gol dal 61′ dopo le zero della prima ora di gioco. Nel finale esordio anche per Petagna.

Una vittoria importante, come sottolineano gli esperti di NetBet scommesse sportive, che può dare uno slancio importante alla squadra partenopea.  Come detto in precedenza ad incidere in maniera importante sul match è l’ingresso del talento africano Victor Osimhen che mette lo scompiglio nell’area parmense. Nel tentativo di evitarne una deviazione di testa che Iacoponi respinge debole, sui piedi di Mertens, che di piatto regala il vantaggio ai suoi (19′). E’ scatenato, Osimhen. Va via a Darmian, dandogli un paio di metri in uno spazio ristretto e la conclusione viene respinta da Sepe. E’ sempre lui che di tacco libera il destro di Lorenzo Insigne che sbatte sul palo. Col 4-2-3-1, sembra un altro Napoli, sicuramente più spregiudicato e meno prigioniero della lentezza di Demme che non favorisce la velocità degli attaccanti.

La rinascita di Lozano e Koulibaly

Grande protagonista della vittoria del Tardini è quel Kalidou Koulibaly reduce da una stagione disastrosa e troppo spesso dato per sicuro partente. Contro il Parma il difensore senegalese dà il meglio di sé, donando sicurezza alla retroguardia partenopea che non subisce affatto gli attacchi dei padroni di casa.  Accanto al greco Kostas Manolas, forma una delle coppie meglio assortite dell’intero campionato e questo può far sognare i tifosi azzurri.

L’altro grande redivivo è il messicano Irving Lozano. Dei tre davanti è il più vivace, pur senza pungere mai realmente. Poi al 61′ si ritrova sulla fascia e spara un cross perfetto al centro dell’area, Iacoponi pasticcia e Mertens non perdona. Stessa dinamica nello 0-2, con la differenza che il cross è un tiro e Iacoponi è Sepe. Due “quasi assist” in una prestazione di spessore.

Il possibile cambio modulo

Nel primo tempo è stato un Napoli scialbo e spesso senza idee. Con l’ingresso di Osimhen ed il passaggio al 4-2-3-1 la squadra ha avuto una scossa importante ed ha costruito numerose palle gol. Con questo modulo il gioco di Gattuso sarà più alla ricerca della verticalità, come ha chiarito lo stesso allenatore in conferenza stampa. Una tendenza che sarà accentuata grazie a Osimhen. È veloce e sa muoversi alle spalle della difesa. Bisogna andare cauti. Il Napoli deve evitare che si ripeta con lui quanto accaduto con Lozano. Il messicano avrà nuove opportunità di valorizzarsi, anche perché Callejon ha lasciato un vuoto che gli azzurri non devono a tutti i costi colmare con un nuovo acquisto.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.