Comuni

Film su Eduardo Scarpetta, i condomini di Palazzo Scarpetta non autorizzano le riprese nel cortile

loading...

Napoli, 16 Luglio – Sarebbe dovuto essere uno degli scenari del film “Qui rido io” di Mario Martone il cortile di Palazzo Scarpetta di Via Vittorio Colonna ma alcuni condomini si sono opposti alle riprese per il film che racconta la vita di Eduardo Scarpetta.

“Sto seguendo personalmente la vicenda da vicino, ci sono stati dei problemi ma la vicenda alla fine potrebbe essere risolta per il meglio. “– ha dichiarato Benedetta Sciannimanica , consigliere dei Verdi-Europa Verde della Municipalità I che sta seguendo la vicenda di persona.

“Siamo decisamente stupiti, perché Scarpetta è uno dei simboli della nostra città, è stato ed è un vanto per il teatro napoletano, raccontare la sua vita, la sua persona, dovrebbe essere per noi napoletani motivo di orgoglio. Un film su Scarpetta vorrebbe dire una gran bella pubblicità per Napoli e la sua cultura, fin troppe volte bistrattate, questa sarebbe un’occasione di riscatto. Per questi motivi da oggi lanciamo un appello pubblico affinché i condomini ci ripensino ed autorizzino le riprese per il film, un omaggio dovuto a Scarpetta e a Napoli.”-hanno proseguito Il Consigliere Regionale dei Verdi- Europa Verde Francesco Emilio Borrelli ed il conduttore radiofonico Gianni Simioli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.