Comuni

Ercolano, il Parco Nazionale del Vesuvio martoriato dai rifiuti: ennesima discarica in Contrada Castelluccio

loading...

Napoli, 10 Giugno – Ennesima discarica a cielo aperto segnalata nel Parco Nazionale del Vesuvio. Questa volta è stata individuata un’area utilizzata come deposito di rifiuti in Contrada Castelluccio nel comune di Ercolano. La segnalazione arriva da un cittadino che si è rivolto al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli: “È un fenomeno che va avanti da anni, quello che si vede nel filmato è solo una piccola parte dello scempio che hanno creato, qui scaricano in ogni angolo.”.

“Il Parco Nazionale del Vesuvio è un sito di grandissimo interesse geologico, biologico, ambientale e storico e va quindi tutelato e salvaguardato ed invece si resta a guardare mentre viene trasformato in una grande discarica. È vergognoso, dobbiamo dire basta a questo fenomeno. Abbiamo richiesto interventi urgenti per ripulire e bonificare l’area ma è fondamentale attivare un piano che preveda la videosorveglianza delle aree del Vesuvio maggiormente a rischio sversamenti e dei pattugliamenti continui.

Per gli inquinatori serve la tolleranza zero, solo con la certezza della pena per chi sversa illecitamente rifiuti provocando ingenti danni all’ambiente si può contrastare in modo efficace questo barbaro fenomeno.”–  ha commentato il Consigliere Borrelli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.