Politica

Emergenza sanitaria, il ristorante della camera dei deputati l’unico ad essere aperto al pubblico

loading...

 Borrelli e Simioli: “Un’ingiustizia ed un’offesa per gli imprenditori che stanno subendo gravi danni economici a causa di questa emergenza. Roba da casta.”

 

Napoli, 29 Aprile – Mentre in tutto il paese le attività ristorative restano chiuse, o come in Campania e altre regioni lavorano solo con la formula del delivery, il ristorante della camera dei deputati sembra che sia l’unico ad essere aperto ed ospitare clienti all’interno dei locali.

Durante la diretta della trasmissione radiofonica” La Radiazza”, il conduttore Gianni Simioli ed il Consigliere Regionale dei Verdi, hanno telefonato al ristorante in questione per verificare la notizia.

“Abbiamo chiesto informazioni alla direzione del ristorante, ed è confermata la notizia che è aperto al pubblico. Questa ci sembra un’enorme ingiustizia, perché o è permesso a tutti di essere aperti o restano tutti chiusi, non deve esserci disparità di trattamento. Questa è roba da casta.

Inoltre questa concessione è un ‘offesa ai tanti imprenditori costretti a restare chiusi o a lavorare con dei paletti ben precisi, che stanno subendo gravi perdite economiche. E’ una faccenda che va chiarita subita, esigiamo spiegazioni.”- hanno dichiarato Il Consigliere Borrelli e Simioli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.