Magazine

Cybersecurity, Paolo Poletti (Sicuritalia) a Tg3 Post: Organizzazioni telematiche, chi sono come e come agiscono

Napoli, 10 Giugno – “Ad oggi non esiste il rischio di una “cyber-guerra”, ma ci sono due tendenze che vanno considerate: circa la prima, assistiamo negli Stati Uniti una serie di attacchi che “Anonymous” muove alle istituzioni come risposta agli episodi di razzismo da parte della polizia. “Anonymous” è presente anche nel nostro Paese, così come lo è in tutto il mondo; non è un’organizzazione, ma bensì una costellazione di attivisti telematici.

Prendono il nome da una maschera che ricorda Guy Fawkes, un inglese che nel 1605 tentò di bruciare la Camera dei Lord e che è entrata nell’immaginario collettivo dal 2006 con il film “V per Vendetta”. Il loro temi sono l’anticapitalismo, la tutela dei beni pubblici, l’antimilitarismo, l’antiautoritarismo e l’ambiente. Oggi si sono inseriti nelle proteste americane che sono in linea con la loro visione. Anonymous è catalogato tra gli “hacktivist” ovvero gli attivisti telematici, antagonisti che, a differenza di coloro che nelle manifestazioni di piazza compiono gesti violenti verso i simboli dei loro temi di lotta, compiono azioni di disturbo telematico nei confronti degli stessi obiettivi.

È molto difficile che strutturino in un partito, anzi lo ritengo improbabile; il rischio vero è quello della “frattura sociale”, perché nella soluzione di continuità che si crea risulta difficile controllare le derive anche di questi movimenti anche destrutturati. Prendiamo gli Stati Uniti: fin dagli anni della moderata presidenza Obama, abbiamo assistito, stranamente, ad una radicalizzazione delle posizioni politiche ed all’acuirsi delle disparità sociali: questo ha portato ad una “frattura” che è terreno fertile per movimenti come Anonymous, Antifa, come le opposte organizzazioni suprematiste. Da noi, la stagione post-covid, se non ben gestita nei prevedibili problemi di tipo economico e sociale, potrebbe portare ad una “frattura sociale” e ad azioni sicuramente violente, ma anche a fenomeni di imbarbarimento delle relazioni.

La seconda tendenza è in qualche modo collegata: in un mondo in recessione, il rapido miglioramento del know-how aziendale diventa cruciale in una competizione più aspra. I fenomeni di hackeraggio tendenti al “furto” di dati per ottenere vantaggi competitivi illeciti, potrebbe diventare più sofisticato e diffuso ” Lo dichiara Paolo Poletti a Tg3 Post (Già Vicedirettore dell’intelligence nazionale e generale della Guardia di Finanza, oggi Presidente di Sicuritalia Security Solutions).


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa