Comuni

Casoria, torna l’incubo delle bombe: distrutto un esercizio commerciale in via Marconi

loading...

Verdi: “Solidarietà alle vittime di questo atto delinquenziale. Emergenza criminalità nel Napoletano, il Viminale ci dia risposte”

 

 

Casoria, 2 Ottobre – “Esprimiamo solidarietà ai gestori dell’esercizio commerciale in via Marconi a Casoria che hanno visto la loro attività distrutta dall’esplosione di una bomba. Un attentato di chiara matrice delinquenziale che ribadisce, ancora una volta, la prepotenza della criminalità che, nell’ultimo anno, ha rialzato la testa con prepotenza, con preoccupanti sequenze di reati in tutto il Napoletano”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il responsabile del Sole che Ride di Casoria Antonio Lanzano. “Dinanzi ad un’emergenza di questo tipo serve una forte riaffermazione della presenza dello Stato, necessaria a contenere il disorientamento dei cittadini perbene dinanzi all’aggressività della delinquenza. Da tempo chiediamo l’invio di nuove unità delle forze dell’ordine per aumentare l’efficacia dell’attività di controllo del territorio. Finora non abbiamo ricevuto risposta. Le nostre speranze sono riposte nel nuovo ministro dell’Interno Lamorgese. Il Viminale è chiamato a svolgere un ruolo importante nella battaglia che lo Stato sta combattendo in questi territori contro la criminalità, organizzata e non”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.