Politica

Campania, Viglione (M5S): “Scarsa organizzazione e zero sicurezza, fuga di medici dal Moscati di Aversa”

loading...

Il consigliere regionale: “Tra vincitori di concorso e richieste di trasferimenti, l’ospedale rischia il collasso”

Napoli, 8 Febbraio – “Cinque medici vincitori di concorso pronti a fare le valigie e altri due che hanno chiesto di essere trasferiti altrove. In un nosocomio già sottodimensionato, come il Moscati di Aversa, con personale straordinario che con abnegazione e senso del dovere prova a garantire un’assistenza adeguata, la situazione rischia ora di implodere. Una situazione figlia di una organizzazione inadeguata, a fronte di un costante sovraffollamento, che rende complicato il lavoro di ogni singolo professionista, che è l’effetto di assoluta mancanza di salvaguardia per la sicurezza dei dipendenti, spesso vittime di episodi di aggressioni”. E’ quanto denuncia il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Vincenzo Viglione.

“E non sorprenda, a questo punto, l’avviso andato a vuoto di assunzioni per medici e infermieri. Nessuno più vuole lavorare al Moscati di Aversa. Una situazione che denunciamo da anni, nell’indifferenza del governo regionale rispetto a un presidio di riferimento fondamentale per un gran numero di comuni dell’hinterland del Casertano e del Napoletano”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.