Politica

Campania, Meridbulloni. Patriarca (FI): “Mantenere impianto a Castellammare”

loading...

Il capogruppo regionale: «Bene la svolta per i lavoratori grazie a Vescovini»

Napoli, 2 Febbraio  – «Accogliamo con soddisfazione e fiducia l’evolversi della vertenza che riguarda i 65 lavoratori della ex Meridbulloni di Castellammare di Stabia che potrebbero trovare, entro pochi giorni, una nuova collocazione lavorativa grazie alla Vescovini».

Lo ha affermato Annarita Patriarca, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale dopo l’incontro di oggi al Mise. «L’imperativo è salvare i posti di lavoro – ha continuato l’esponente del partito di Silvio Berlusconi – e impedire il depauperamento di una importante realtà produttiva locale e delle sue maestranze. Per questo, adesso bisognerà lavorare per individuare un’area che consenta di mantenere l’investimento della Vescovini all’interno del territorio comunale di Castellammare».

«Continueremo ad agire con il massimo impegno, al fianco dei lavoratori, per ribadire che professionalità, competenze e risorse umane non devono essere dirottate al di fuori della nostra regione a causa di logiche aziendalistiche che hanno, tra gli altri sensibili effetti, quello dell’impoverimento del Meridione a tutto favore del Nord», ha concluso il capogruppo azzurro.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.