Cronaca

Campania, Covid. De Luca:”Se abbiamo un incremento ogni giorno di 800 nuovi positivi chiudiamo tutto”

loading...

Napoli, 9 Ottobre –  “Obiettivo è avere equilibrio tra nuovi positivi e guariti. Ma se abbiamo mille contagi e duecento guariti è lockdown”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in diretta Facebook.

“Se abbiamo – ha detto – un incremento ogni giorno di 800 nuovi positivi chiudiamo tutto. Non drammatizzo, faccio un calcolo numerico”.

Oggi la situazione è sotto controllo, ma “dobbiamo prepararci in anticipo per gli interventi che probabilmente saranno necessari da qui a un mese un mese e mezzo” continua il governatore. De Luca non esclude la possibilità, nelle prossime settimane, di chiedere al governo la chiusura della Campania. “Si prenderanno tutte le decisioni necessarie. Non le decisioni più comode, ma quelle più necessarie – avverte – per tutelare la sicurezza delle nostre famiglie”. 

“Lavoriamo per avere 500 posti di terapia intensiva pronti, compresi quelli che erano vuoti e qualche giornalista ci domandava come mai sono vuoti? Adesso per la loro soddisfazione potranno essere riempiti” spiega De Luca, sottolineando l’apertura del covid center di Caserta. “Ieri abbiamo parlato con Arcuri delle forniture di ventilatori polmonari. Noi abbiamo avuto ad aprile 130 ricoveri in terapia intensiva, il picco, il nostro obiettivo ora è di avere il triplo di terapie intensive attrezzate, sia perché abbiamo più contagi, sia perché abbiamo l’influenza in arrivo e l’anno scolastico in corso che qualche problema in più lo determineranno”    

“Serve la leale collaborazione tra tutti, dobbiamo lavorare insieme contro la pandemia in uno spirito di squadra che ci potrebbe consentire di essere più efficaci”. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in merito alla lettera inviata al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e per conoscenza al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al ministro per la Salute, Roberto Speranza, e al prefetto di Napoli, Marco Valentini, nella quale chiede di avere dati ”analitici, precisi e in tempo reale” sulla diffusione dell’epidemia in città e nell’area metropolitana e di partecipare all’Unità di crisi regionale. A margine del Consiglio comunale, il sindaco, nel sottolineare che ”l’auspicio di un rafforzamento del dialogo istituzionale è costante”, ha affermato:  ”Io rappresento il 56 per cento della popolazione campana e in qualità di sindaco sono la massima autorità sanitaria locale. Abbiamo bisogno di dati precisi, analitici sulla diffusione del contagio, che purtroppo è in forte aumento, di dati relativi alle Municipalità, sui potenziali cluster in modo da consentirci di adottare provvedimenti immediati per arginare i focolai”.

“Sorprende – ha aggiunto – che a distanza di mesi non si riescano ad avere questi dati così puntuali e dettagliati”. Rispetto alla richiesta di partecipazione all’Unità di crisi, de Magistris ha spiegato: ”La mia richiesta non è perché mi voglio andare a fare una passeggiata all’Unità di crisi ma è sempre nell’ottica di uno scambio costante di informazioni per una leale cooperazione, per portare meglio sui territori le decisioni adottate”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.