Politica

Campania, Cesaro (FI):”Siamo in recessione, l’Istat sbugiarda il Governo. Giovani e Sud sempre più a rischio”

Napoli, 31 Gennaio –“Cala il Pil e aumentano i disoccupati a tempo indeterminato a vantaggio di un precariato senza prospettive. Come se non bastasse cresce anche la disoccupazione giovanile. I dati Istat diffusi oggi sono impietosi: siamo in recessione e a pagare saranno soprattutto i giovani e le regioni svantaggiate del Sud, Campania in testa”. Lo afferma il presidente del gruppo di Forza Italia del Consiglio regionale della Campania Armando Cesaro commentando i dati Istat diffusi oggi sull’andamento dell’economia Italia.

“Questi sono dunque i primi risultati di questo governo preoccupato soltanto di dare al più presto una mancetta elettorale in salsa pentastellata ai fannulloni o di attuare un regionalismo nordista e sfacciatamente antimeridionalista”, sottolinea Cesaro.

“Oggi che l’Istat ci fa toccare con mano questo fallimento annunciato, ribadiamo: si trovi il coraggio di chiudere una volta e per tutte questa pericolosissima esperienza politica gialloverde e di ridare finalmente ai cittadini un’alternativa di buon governo che solo un centrodestra moderato, unito e compatto, può garantire”, conclude il capogruppo regionale campano di Forza Italia.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa