Politica

Campania, A. Cesaro (FI):”Su Acer disastro annunciato, chiarire subito vicenda dimissioni Schiavo”

loading...

Napoli, 14 Marzo – “La notizia delle dimissioni del dottor Luigi Schiavo è solo la punta dell’iceberg di un disastro annunciato, dell’ennesima incompiuta di questa giunta regionale, che si tradurrà in una stangata per gli inquilini delle case popolari della Campania. Presenterò già nelle prossime ore una richiesta di accesso agli atti e una seduta congiunta in audizione delle commissioni Bilancio e Politiche Sociali”.

Lo afferma il presidente del gruppo di Forza Italia del Consiglio regionale della Campania, Armando Cesaro commentando le dimissioni rese da Luigi Schiavo, responsabile del settore finanziario della struttura commissariale dell’Acer campana.

“Non si capisce se per disinteresse, incapacità o altro, ma l’assoluta negligenza di un governo regionale che istituisce una società dai costi di gestione nettamente superiori ai ricavi e pertanto con un debito di partenza di circa 80 milioni di euro, costerà caro agli oltre 60 mila conduttori degli immobili regionali”, sottolinea Cesaro. “Così come pagheremo a caro prezzo, soprattutto in termini sociali, – conclude il capogruppo regionale campano di Forza Italia – i mancati investimenti, l’assenza di risorse in bilancio, l’assoluto immobilismo”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.