Comuni

Boscotrecase, sfasciarono ospedale Covid per curare il genero del boss Giunta: arrestati

Boscotrecase, 6 Giugno – “Sono stati finalmente arrestati i due soggetti che a maggio sfasciarono l’ospedale Covid di Boscotrecase per esigere che fosse curato Giuseppe Carpentieri, genero del boss Valentino Gionta. Subito dopo i fatti denunciammo il vile atto chiedendo provvedimenti. Quegli energumeni non solo devastarono la struttura e minacciarono il personale, ma bloccarono una struttura Covid in piena emergenza. Ebbene dopo un mese sono finiti finalmente in manette.

I nostri complimenti vanno alle forze dell’ordine che hanno effettuato l’operazione brillantemente. Siamo vicini a qui medici e a quegli infermieri che quel giorno, in piena pandemia, hanno dovuto sopportare le barbarie di quei cialtroni. Chi sbaglia deve pagare, chi sfascia una struttura pubblica, minacciando il personale in chiaro stile camorristico merita solo la galera. Occorre denunciare, sempre”. È quanto dichiarato da Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa