Comuni

Bomba d’acqua su Napoli e provincia, strade nuovamente allagate

loading...

Borrelli (Verdi): “Necessario sturare le caditoie, le acque meteoriche non riescono a defluire nella rete fognaria. In via Argine la pioggia ha creato un lago di rifiuti. Abbiamo inviato una nota alle amministrazioni chiedendo di procedere”

 

 

Napoli, 26 Settembre – “Ci sono stati segnalati nuovi allagamenti delle strade di Napoli e provincia provocati dalla bomba d’acqua che ha investito il comprensorio questa mattina. Purtroppo una delle cause del problema è rappresentata dall’occlusione delle caditorie che sono ingombrate da terriccio, fogliame e rifiuti che impediscono alle acque meteoriche di defluire nelle fogne. Da tempo sottolineiamo la necessità di procedere alla loro pulizia. Abbiamo inviato una nota a tutte le amministrazioni del territorio chiedendo di attivarsi in tal senso”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “In via Argine la pioggia si è abbattuta sui cumuli di rifiuti sversati illegalmente generando un lago di spazzatura che sta diffondendo miasmi irrespirabili. Purtroppo i cambiamenti climatici ci mettono di fronte a temporali più violenti. Occorre una rinnovata attenzione da parte delle istituzioni circa le contromisure da adottare per ridurre al minimo i disagi per i cittadini”.

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.