Comuni

Avellino, tentano di introdurre nel carcere 16 telefonini nascosti in un pallone: fermati

loading...

Avellino, 4 Settembre – Ad Avellino degli individui hanno tentato di introdurre ben 16 cellulari all’interno del carcere di Bellizzi Irpino. I telefoni cellulari erano nascosti all’interno di un pallone Super Santos che alcune persone hanno tentato di lanciare all’interno del campo sportivo della casa circondariale. La Polizia Penitenziaria ed i carabinieri sono però riusciti a fermare e a mandare all’aria il piano criminale e tre sospetti, nei pressi del carcere, sono stati fermati.

“Anche questa volta le forze dell’ordine hanno fatto un ottimo lavoro, bisogna proseguire su questa strada ed intensificare i controlli all’interno delle mura carcerarie, nessun oggetto non consentito, soprattutto telefonini, dovrà essere introdotto dall’esterno. Quel che maggiormente preoccupa è che tali strumenti possano essere utilizzati non da detenuti comuni ma dai boss che cosi possono ritornare a prendere il comando della situazione e dare il via a piani criminali, magari decidono della vita e delle morte di altre persone. Questo non va consentito, per dare un duro colpo alla camorra bisogna interrompere le loro linee di comunicazione. Quindi pretendiamo maggiori controlli, nessuna indulgenza e niente più concessioni e che i boss restino in carcere, a marcire. “– ha commentato il Consigliere Regionale dei Verdi-Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.