Politica

Appello di don Battaglia, senatore Ruotolo: “Le sue parole richiamo alle coscienze di ognuno di noi”

Napoli, 13 Ottobre – “Stanno uccidendo Napoli! La sta uccidendo la camorra e il malaffare, con la violenza e la crudeltà di coloro che hanno dimenticato di essere umani. Convertitevi!”.

“Le parole dell’arcivescovo di Napoli, monsignor Domenico Battaglia, rivolte all’intera città contro l’efferatezza della criminalità organizzata rappresentano un forte richiamo alle coscienze di ognuno di noi. È un grido dolente contro l’indifferenza dei tanti rispetto agli accadimenti di questi ultimi terribili giorni : bombe, agguati, ferimenti. C’è assuefazione perfino quando a cadere sotto i proiettili dei killer sono dei giovanissimi.

Napoli arretra e sprofonda nell’angoscia e nella paura. Bisogna reagire, organizzarsi, fare rete, riscrivere un nuovo patto educativo. È il momento di soccorrere la città. Salvare Napoli deve essere una missione urgente e collettiva. Occorre mettere in sicurezza le fasce deboli, i più fragili e garantire un futuro diverso ai bambini, ai ragazzi, ai giovani di Napoli. Non c’è più tempo da perdere. Si, ha ragione don Mimmo. O si sta contro la camorra o si è complici della camorra.” Lo ha scritto il senatore Sandro Ruotolo de Gruppo Misto sul suo profilo Facebook commentando le parole del vescovo di Napoli Don Mimmo Battaglia.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.