Comuni

Amalfi, crolla il costone roccioso e viene sepolta la Statale Amalfitana. L’ex sindaco: “Quel tratto di costone era già stato interessato due anni fa da lavori di consolidamento, la Procura indaghi”

loading...

Amalfi, 2 Febbraio – Nella mattinata del 2 febbraio una grossa frana ha interessato la statale di Amalfi. Poco dopo le 9:30 si è verificato un distaccamento di una grossa parte dal costone roccioso che è finito tra le abitazioni del centro mentre la Statale Amalfitana è stata sepolta.

Dalle prime testimonianze non sembra ci siano vittime ma al momento non è neanche possibile escluderlo. “Quel tratto di costone era già stato interessato due anni fa da lavori di consolidamento. Spero che la Procura ora indaghi per capire come siano stati condotti questi lavori visto quello che è successo stamattina”. A dirlo, come riporta Ansa, è Antonio De Luca, ex sindaco di Amalfi ed ora consigliere di opposizione.

“Stiamo seguendo da vicino l’evolversi della situazione, ci auguriamo vivamente che non vi siano vittime né feriti. Abbiamo chiesto la messa in sicurezza dell’area e la verifica della causa che hanno provocato il crollo.

Quel che ha dichiarato l’ex sindaco è qualcosa di grave per cui è necessario aprire delle indagini. Attendiamo riscontri.”- ha così dichiarato il Consigliere Regione di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.