Attualita'

ADOLF IN GRIECHENLAND

Napoli, 7 Marzo – La parola “barbaro” ha una storia piuttosto lunga, giacché affonda le sue radici in un termine coniato dagli antichi Greci, ossia “bàrbaros“.

Tuttavia, v’è una sostanziale differenza semantica con il lemma “barbaro”, entrato a far parte del lessico Italiano e tuttora utilizzato per connotare una persona d’indole selvaggia od un’azione, per così dire, poco urbana.

Ebbene, nella mentalità dei Greci – prima – e dei Latini – poi -, la parola in questione indicava un soggetto che non era in grado di parlar correttamente le loro lingue, o, per meglio dire, uno che balbettava: a chi, nell’esprimersi – seppure in modo comprensibile o finanche fluente – in un idioma diverso dal proprio, non capita di articolar male le sillabe o di storpiare qualche termine?

Dal Greco derivano, altresì, due lessemi d’indubbia rilevanza, spesso ricorrenti nella prosa storiografica e giornalistica: mi riferisco a “epidemia” (da epì, “sopra”, e dèmos, “popolo”), tale da intendersi la progressiva e celere diffusione, a séguito di un contagio diretto od indiretto, di un determinato morbo, e “xenofobia” (da xènos, “straniero”, e fobía, “odio, paura”).

Al giorno d’oggi, come è ben noto, sta dilagando a livello globale l’infezione respiratoria causata dal Covid-2019, la quale sta mietendo un numero abbastanza elevato di vittime; ciò malgrado, però, i casi di guarigione – stando al contenuto delle fonti mediatiche più attendibili – hanno superato in modo notevole i decessi (superando, a quanto consta, il doppio di questi ultimi).

C’è però un altro “virus”, che sta trovando terreno fertile in diversi paesi del mondo: non occorre un microscopio, né tantomeno un’approfondita attività di studio, per identificarlo e comprendere i potenziali danni cui esso può dar luogo; eppure, anziché debellarlo, ne si tende a promuovere lo sviluppo.

Si tratta della xenofobia, che induce l’essere umano a respingere un proprio simile….perché bàrbaros e/o xènos, ritenendolo non degno di integrarsi nella comunità di cui egli fa parte.

Alcuni giorni fa, collegandomi al sito del quotidiano “La Repubblica“, son venuto a conoscenza di un atto ignominioso commesso dalla Guardia Costiera Ellenica nei confronti di alcuni migranti, che, ammassati su un gommone, tentavano di approdare in territorio Europeo.

Gli sventurati son stati presi a bastonate, come gli Ebrei ai tempi del loro sterminio ad opera di Adolf Hitler: oggigiorno, come allora, l’immigrato vien visto – erroneamente, beninteso –  come un peso, come un ostacolo allo sviluppo economico e sociale di un paese, quindi si registra una forte tendenza a porlo ai margini della società.

Per fortuna, però, esistono delle norme di diritto internazionale e comunitario – che, in ragione della loro notorietà, non illustrerò dettagliatamente in questa sede – tese a tutelare la dignità della persona umana, prescindendo dall’appartenenza a gruppi, etnie, comunità, et cetera.

Auspico, quindi, che la Grecia venga severamente punita per le atrocità iniquamente patite da chi, fuggendo dalla miseria, cercava – in tutti i sensi – un porto sicuro.

Il virus da debellare, cari Lettori, è quello della xenofobia, che sta via via dilagando in maniera irrefrenabile tra la gente: se si vuole lottare (e vincere) contro le epidemie è d’uopo rimaner compatti e, soprattutto, far sì che vi sia rispetto per le cose e per gli altri.

La solidarietà è una virtù dal doppio volto: per un verso, essa si connota come un’arma potente…..contro l’odio; per altro verso, assume i caratteri di una medicina virtuale, capace di annientare ogni sorta di patologia.

Orsù, ripartiamo da qua, e arriveremo lontano! 

 

Adriano Spagnuolo Vigorita 

Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa