Comuni

Portici, giornalisti per un giorno: gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Carlo Santagata” concludono il pon di giornalismo

Portici, 25 Marzo –  Con grande spirito di squadra e capacità di condivisione di idee e progetti, con l’abilità di utilizzare plurime forme d’espressione, con la raggiunta autonomia di ricerca e capacità di sintesi, sedici intraprendenti ragazzi, alunni dell’istituto Comprensivo statale “Carlo Santagata” 5° C.D. di Portici, hanno partecipato e portato a termine il progetto “pon” di giornalismo, con l’obiettivo di acquisire gli elementi base di una professione irrinunciabile della modernità, fondata su un robusto sapere teorico e una tecnica raffinata.

Pronte ad offrire risposte ai bisogni differenziati degli alunni, le tutor-insegnanti Gabriella Ibello di Portici e Teresa Albano di Palma Campania. Un originale progetto proposto ai ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Carlo Santagata”, e sviluppato per garantire loro, pari opportunità formative, nel rispetto dei tempi e delle modalità diverse di apprendimento, stimolando continuamente il potenziamento delle tecniche di scrittura tipiche del giornalismo moderno. Grazie, infine, alla disponibilità di Raffaele Ariola, direttore della testata on-line “sciscianonotizie.it”, i giovani apprendisti dell’informazione, hanno seguito, in assoluto silenzio, una interessante lezione del modello del citizen journalism, che ha chiuso una intensa mattinata di studio. “Appartengo all’istituto “Carlo Santagata” 5° C D. di Portici – ci spiega Gabriella Ibello –  e insegno le materie letterarie. I ragazzi di quest’istituto si sono cimentati, con tanta voglia, ad impaginare un articolo di giornale direttamente sul sito web. Un’esperienza entusiasmante – continua la Ibello –  soprattutto da parte dei ragazzi, che non vedevano l’ora di conoscere un direttore di giornale e una giornalista in carne ed ossa”.

Parte la prima esperienza di pon giornalistico. Pensa di ripeterla?

“Si, senza ombra di dubbio la riproporremo. Creso che sia anche la ferma volontà dei ragazzi. E’ stata un’esperienza positiva, molto costruttiva, li ha aiutato a riflettere sul mondo che ci circonda. Mi consenta di dire che la consiglio spassionatamente a tutti”, conclude la prof.ssa Ibello”.

Grande professionalità e impegno da parte delle due docenti, immerse, così come i loro studenti, in un vero laboratorio di notizie, autentico percorso di crescita.“Insegno da parecchi anni, all’istituto Agrario ISIS ” il Caravaggio” di S.Gennaro Vesuviano – dichiara l’altra tutor del progetto giornalistico Teresa Albano, –  ho fatto già esperienza di pon in passato:  teatro, ma anche un pon d’inglese a Londra per 15 giorni. Sono esperienze lavorative che mi piacciono molto, arricchiscono professionalmente, così come a livello umano. Il pon sul giornalismo, qui a Portici – chiosa la Albano – mi ha dato la possibilità di conoscere un’altra realtà, a partire dai ragazzi, i quali, vivendo in città, sono anche più aperti didatticamente. Ritengo questo progetto davvero molto costruttivo, anche se abbiamo combattuto con la tipica carenza di mezzi. Questo pon, infatti, doveva essere svolto in gran parte con l’ausilio di sistemi informatici idonei, che non abbiamo”.

Quali sono le difficoltà riscontrate?

“Non abbiamo libero accesso ai laboratori di informatica, quasi sempre lavoriamo attraverso una Lim. Il lavoro va avanti anche grazie ai ragazzi, i quali, mettono a disposizione i loro giga e in questo modo riusciamo a baipassare tali difficoltà”.

Nonostante gli ostacoli a volte enormi per la mancanza di strutture, i ragazzi imparano a scrivere, approfondiscono con impegno l’esperienza faticosa ma eccitante di approfondire le tecniche di scrittura di un articolo di giornale. Attraverso un’intervista o un fatto di cronaca, acquisiscono competenze che potranno magari sfruttare in futuro. L’intervento del direttore Ariola, rivolto ai ragazzi, va senza dubbio in questa direzione. La sua testimonianza mette l’accento sull’importanza della conoscenza di un giornale cartaceo che con la diffusione di internet e l’aggiornamento real time delle notizie, ha cambiato la sua funzione, in virtù, appunto della rete e delle nuove tecnologie. La lezione rivolta ai ragazzi, si è conclusa con la dimostrazione concreta, attraverso la piattaforma del giornale, di come si impagina un articolo.

Enorme è l’entusiasmo e l’impegno dei ragazzi che presentano articoli di ogni genere: cronaca rosa, sport, attualità, gossip. E c’è chi intervistando personalmente anche un attore bengalese, interagiscono senza quasi avvertire la fatica, con una mini redazione di piccole promesse del giornalismo.

Una giornata ricca di spunti e di riflessioni anche per il direttore Raffaele Ariola che non rimane insensibile davanti” all’interesse, l’entusiasmo e il grande impegno di questi ragazzini che riempie e commuove il cuore”.

Il lavoro degli studenti è organizzato in squadre, ognuno ha il  suo compito specifico, ma ciò che poi è importante, per ognuno di loro, è il prodotto finale, frutto dell’impegno di tutti.

Mi chiamo Giuseppe Izzo – ci spiega con gli occhi gonfi di entusiasmo uno degli studente del pon –  e insieme a Salvatore Salegna, abbiamo messo in risalto i tre sport più importanti a Portici: Calcio, Basket e Nuoto. Compro il giornale ogni domenica mattina, perché mi piace sapere le novità di ogni genere, soprattutto leggere la gazzetta dello sport”.

Dallo sguardo profondo e riflessivo si fa avanti la piccola Alessia Brunetti che ci confida cosa desidera fare da grande.“Sono un’aspirante giornalista, ho scritto un articolo sulla chirurgia estetica. Ho scelto questo argomento perché è all’ordine del giorno. Credo che sia una conquista importante della scienza medica, Va bene, come in tutte le cose della vita – conclude Alessia –  se  viene usato nella maniera giusta. Gli eccessi fanno sempre male….

Alessandra Marino e Nansy Polese, si sono cimentate invece in un gossip, cronaca rosa. “Il nostro articolo parla di Belen e Stefano De Martino, e in particolare di un loro ritorno di fiamma”, dichiarano le orgogliose ammiratrici dei due personaggi televisivi.

Infine Chiara Cherubini e Simona Friscia che descrivono“la conferenza fatta proprio a scuola, il 12 Marzo. L’argomento è “l’autismo”, organizzato al fine di aiutare questi poveri ragazzi, affinché possano migliorare le loro capacità. Abbiamo scritto – concludono le due attente ragazzine –  un articolo sui monumenti e sui luoghi di Portici, tra cui la Reggia, il porto del Granatelli e per finire Pietrarsa”.

Impegno, entusiasmo e voglia di fare, queste le coordinate di una straordinaria esperienza, dove i protagonisti assoluti, in una splendida mattinata di fine marzo, sono i sedici audaci ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Carlo Santagata”, giornalisti di domani.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print