Politica

Campania, Muscarà (M5S):”Vuoto a rendere e riutilizzo scarti tessili, le nostre vittorie per l’ambiente”

La consigliera regionale: “Con il sì alle nostre mozioni contribuiamo a ridurre i rifiuti e a risparmiare risorse ed energie”

 

 

Napoli, 8 Ottobre – “Per salvare il nostro ambiente dobbiamo cominciare a garantire su ciascun territorio un ciclo dei rifiuti ottimale, che miri a una vera economia circolare. E’ in questo solco che si inseriscono due fondamentali mozioni approvate all’unanimità dall’aula del Consiglio regionale. La prima impegna la giunta a rendere operativa la sperimentazione del sistema del vuoto a rendere, con riferimento a specifiche tipologie di imballaggi destinati all’uso alimentare, anche con iniziative di promozione e di sensibilizzazione che vedano il coinvolgimento dei Comuni. Con la seconda, la Regione sarà tenuta ad adottare misure finalizzate a incentivare il recupero degli scarti tessili, mediante il reimpiego in altri settori, nell’ottica dell’economia circolare e dei vantaggi imprenditoriali e occupazionali che ne derivano”. E’ quanto dichiarato dalla consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Maria Muscarà.

“Con il sistema del vuoto a rendere – spiega Muscarà – otterremo vantaggi sotto il profilo del consumo di materia prima ed energia, se si pensa che la stessa bottiglia di vetro può essere riutilizzata fino a 40 volte, oltre che di salvaguardia dell’ambiente, con una riduzione a monte dei rifiuti. Eliminare gli scarti tessili equivale ad abbassare notevolmente anche la quota di rifiuti speciali prodotta, tenuto conto anche delle tipologie di smaltimento che questi rifiuti comportano e del rischio combustione a cui sono soggetti. Senza dimenticare tutte le possibili forme di riutilizzo, soprattutto nel settore dell’edilizia, in particolare per la realizzazione di pannelli isolanti termoacustici, con ottime prestazioni certificate”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa