Politica

Vaccino anti Covid, la solidarietà di Federlab all’infermiera minacciata dai no vax

loading...

Roma, 30 Dicembre –  “Desideriamo esprimere la nostra solidarietà a Claudia Alivernini, l’infermiera dello Spallanzani, prima vaccinata in Italia contro il Covid, insultata e addirittura minacciata di morte sui social dai no vax”. Lo dichiara, in una nota, Gennaro Lamberti, presidente di Federlab Italia, tra le principali associazioni di categoria (con oltre 2mila strutture associate in tutto il Paese) dei laboratori di analisi cliniche e dei centri poliambulatoriali privati accreditati con il Servizio Sanitario Nazionale.

Quanto accaduto – spiega Lamberti – è un fatto gravissimo, vergognoso e inaudito, che impegna tutti quanti noi operatori e professionisti del pianeta sanità, ad una ancora più massiccia campagna di sensibilizzazione a favore delle vaccinazioni”. Per Pietro Napolitano, vicepresidente di Federlab Italia: “è giunta l’ora di credere nella scienza, senza se e senza ma. Di fronte a tanta gratuita cattiveria non si può che esprimere la nostra più ferma condanna”.

“Quella in atto – prosegue Napolitano – è una guerra silenziosa e tenace contro un nemico subdolo e invisibile. Ebbene, il vaccino, in questa lotta all’ultimo sangue, rappresenta l’arma più efficace per cancellare il virus dalla faccia della Terra”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.