Comuni

Un Patto per le Donne della Regione Campania:”Ci siamo messe in cammino perché è adesso il momento di cambiare la Regione”!

loading...

Napoli, 4 Settembre – A poche settimane dalle elezioni regionali, gli Stati Generali delle donne della Campania, su proposta della Coordinatrice Regionale, Maria Lippiello, presentano ai candidati e alle candidate al Consiglio Regionale un “Patto per le Donne della Campania” attraverso cui impegnarsi, se eletti/e, per progettare, sostenere e promuovere misure concrete per le pari opportunità e contro le violenze di genere.

“Il Patto per le Donne della Campania – spiega Maria Lippiello – è un modello nuovo di partecipazione dal basso, di condivisione e coinvolgimento diretto della comunità delle donne nella costruzione di un piano strategico per la Campania costantemente attento alla salvaguardia e alla tutela delle pari opportunità. E’ la chiave di volta di un percorso e di un lungo cammino che mira non soltanto a delineare obiettivi precisi, ma ad incanalare in quella direzione risorse umane, portatrici di esperienze, di professionalità e di idee concrete, ed economiche. Non un libro dei sogni, non semplici buone intenzioni ma un impegno di responsabilità di tante e tanti per un percorso riconosciuto come possibile, al quale ritenersi impegnate/i, ciascuno/a per la propria parte. Il Patto per le Donne della Campania è l’occasione per la costruzione di nuove relazioni e nuovi legami tra chi amministra e chi vive i territori, non è una definizione astratta né una delega in bianco! Rappresenta un nuovo modo di operare, attraverso un percorso unitario di intervento sui territori finalizzando la propria azione a creare nuova occupazione femminile, ad investire in formazione e in politiche a sostegno delle donne e per le donne”.

“Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad ogni genere di dimenticanza nei confronti delle donne, ridotte ad essere madri, lavoratrici, assistenti, considerate importanti per il lavoro di cura durante la grave crisi pandemica ma il cui pensiero non è stato ritenuto fondamentale nella costruzione di politiche e strategie per la ripresa economica e sociale del nostro paese. Siamo stanche di essere considerate il segmento debole del mercato del lavoro e della società che deve essere #incluso perpetuando con questo termine un metodo ed una visione di noi donne subordinate al paradigma maschile, messe in un angolo, in vetrina senza nessuna dimensione di soggettività o di parola, ridotte ad essere solo insegne del potere maschile. Gli Stati Generali delle Donne della Campania per non subire più il silenzio e la mancanza di attenzione della politica non intendono più delegare la loro rappresentanza senza chiedere un impegno concreto a chi si candida a governare la Regione Campania”, conclude Maria Lippiello.

“L’iniziativa – sottolinea Maria Lippiello – che si pone in linea con un più ampio progetto del Coordinamento nazionale degli SGD coordinato da Isa Maggi, ha l’obiettivo di promuovere a livello regionale un dialogo ed un lavoro di cooperazione e condivisione che siano capaci di ideare, sostenere e condividere azioni concrete di promozione delle pari opportunità, basate sull’eguaglianza e la valorizzazione delle differenze per una società più equa, priva di stereotipi di genere e realmente paritaria. Un documento prezioso che serve a promuovere il lavoro delle donne, la costruzione di un modello di welfare di comunità in cui l’offerta di servizi appare strettamente connessa alle mutate caratteristiche del mercato del lavoro e di chi vi accede. E’ l’occasione per dare vita ad un laboratorio di cooperazione e collaborazione che dia concretezza alle azioni, per costruire insieme un percorso partecipato dal basso che metta al centro delle azioni del governo regionale le esigenze e i bisogni delle donne! Ecco la sfida che lanciamo a tutte le candidate e a tutti i candidati, è quella di “esserci”, di “esporsi” e di cogliere l’opportunità di un vero cambiamento culturale che metta al centro dell’azione del governo regionale una nuova visione di città, di comunità che coniughi ripresa economica e sociale, uguaglianza e tutela dei diritti di tutte e tutti con uno sguardo attento alle politiche di genere e alla condizione femminile”.

 

Per leggere e sottoscrivere ([email protected]) il patto collegarsi al sito: www.statigeneralidelledonne.com/

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.