Comuni

Solofra, quattro insegnanti in manette: sono accusati di maltrattamenti a danno dei bambini in una scuola

loading...

Napoli, 6 Giugno – “Apprendiamo con sbigottimento e dolore dei maltrattamenti a cui erano sottoposti dei bambini all’interno di una scuola dell’infanzia a Solofra. Il fatto è aggravato dal fatto che, stando a quanto ripreso dalle telecamere installate dagli inquirenti, sarebbero stati quattro insegnanti, poi arrestati, a trasformarsi in aguzzini. Ad uno di loro è contestato il reato di violenza sessuale su minore. Dinanzi ad accuse così gravi, a causa delle quali è anche sopraggiunto l’arresto, deve corrispondere a strettissimo giro la sospensione per tutti gli insegnanti coinvolti in questa incresciosa vicenda”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Qualora la vicenda processuale dovesse concludersi con una condanna – prosegue Borrelli – i quattro insegnanti dovranno essere licenziati in tronco. Nelle scuole non deve esserci posto per chi usa violenza nei confronti degli alunni. A chi ha il compito di formare i cittadini del domani è assegnato un compito pedagogico molto delicato che si basa sul buon esempio. Al di là della violenza inaccettabile è palese che chi si comporta in questo modo non è in grado di trasmettere alcun buon esempio ai ragazzi”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.