Politica

Roma, Il 27 ottobre si terrà il Consiglio Supremo di Difesa convocato dal Presidente Mattarella

loading...

Roma, 23 Ottobre – Il Quirinale, il 20 ottobre con un comunicato stampa ha annunciato l’avvenuta convocazione, da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, del Consiglio Supremo di Difesa, per le  17.00 di martedì 27 ottobre 2020 a Roma, Palazzo del Quirinale.

Fra i temi all’ordine del giorno ci sarà l’analisi delle conseguenze dell’emergenza sanitaria sugli equilibri strategici e di sicurezza globali, con grande attenzione alla Nato e all’Unione Europea, alle aree di instabilità e al terrorismo transnazionale. Prospettive di impiego delle forze armate nei diversi teatri operativi. Altro tema l’efficiente articolazione dello Strumento Militare nazionale, Bilancio della Difesa e stato dei programmi di investimento in relazione alla fluidità del contesto di riferimento e agli obiettivi capacitivi di lungo periodo.

Il Consiglio Supremo di Difesa, organo di indirizzo politico previsto dall’ordinamento costituzionale italiano, con l’articolo 87 della Costituzione, è il meno conosciuto fra gli organi della Repubblica.

Il C.S.D. istituito con la Legge la legge 28 luglio 1950, n. 624, poi abolita e quindi inglobata nel Codice dell’Ordinamento Militare, Decreto Legislativo n. 66 del 15 marzo 2010, è presieduto dal Capo dello Stato il quale svolge un ruolo di guida e coordinamento democratico dei componenti che attualmente sono: Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri, con funzioni di Vice Presidente; i Ministri, per gli Affari Esteri, Luigi Di Maio; dell’Interno, Luciana Lamorgese; dell’Economia e delle Finanze, Roberto Guatieri; della Difesa, On. Lorenzo Guerino; dello Sviluppo Economico Sen. Stefano Patuanelli; il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Gen. Enzo Vecciarelli. Il Segretario del Consiglio Supremo di Difesa è il Gen. Rolando Mosca Moschino. Alle riunioni del CSD partecipano per prassi il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica.

Dal sito istituzionale  del Ministero della Difesa, http://www.difesa.it/Il_Presidente_della_Repubblica/Pagine/ConsiglioSupremodiDifesa.aspx, leggiamo che «il Consiglio Supremo di Difesa è la sede nella quale, anche nei momenti di crisi, avviene l’informazione tempestiva e approfondita per il Presidente della Repubblica sulle scelte governative in materia di difesa per consentirgli la più celere ed equilibrata funzione di garanzia del rispetto dei fini, dei mezzi (in particolare dello strumento militare) e dei limiti previsti dalla Costituzione, al fine di assicurare la soggezione ultima delle Forze Armate alle supreme istituzioni politiche della Repubblica, garantendone la neutralità politica e assicurandone l’utilizzo al servizio esclusivo della Nazione».

La Presidenza della Repubblica sul proprio portale, https://www.quirinale.it/page/csd , rappresenta che «Il Consiglio supremo di difesa è il principale strumento attraverso il quale il Capo dello Stato acquisisce circostanziate conoscenze degli orientamenti del Governo in materia di sicurezza e difesa, per poter svolgere adeguatamente il complesso ruolo di equilibrio e garanzia attribuitogli dalla Costituzione».

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.