Politica

Primario di Salerno costringe una paziente ad atti sessuali, sospeso per un anno. Borrelli: “Vergognoso. La giusta punizione deve essere il licenziamento”

Salerno, 11 Giugno – Un medico, primario di una Unità Operativa Complessa dell’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, è stato sospeso per un anno per aver costretto una paziente a subire atti sessuali.

La decisione è arrivata dalla Procura della Repubblica del tribunale di Salerno dopo un’indagine partita a seguito della denuncia della donna che veniva costretta a subire degli atti sessuali durante una visita ambulatoriale dal medico in questione che faceva pressioni psicologhe approfittando della propria posizione professionale.

“Si tratta di un fatto gravissimo. Un medico dovrebbe curare e tutelare i pazienti, invece questo individuo approfittando del proprio ruolo ha abusato sessualmente di una donna per placare i propri istinti animali, è vergognoso. Il giusto provvedimento di un fatto simile dovrebbe essere il licenziamento, questo è certo, poi i fatti dovrebbero essere approfonditi e valutare la redazione ed una pena carceraria.”- sono state le parole del Consigliere Francesco Emilio Borrelli, membro della commissione sanità.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa