Cultura

Pompei, restaurate le 4 colonne della Casa del Fauno

loading...

Pompei, 14 Gennaio – Le quattro colonne della Casa del Fauno, una delle ville più lussuose dell’antica Pompei, sono tornate restaurate ad adornare l’atrio tetrastilo che costituiva l’ accesso alla zona privata della casa. Un lungo lavoro con materiali e tecniche moderne ha preceduto la reinstallazione della quattro colonne nella sede dalla quale sono state sradicate per essere ”curate” da archeologi e restauratori.

Un pool di studiosi e tecnici che sono intervenuti con pulitura, trattamento biocida, stuccatura, consolidamento e, infine, protezione dei quattro speciali reperti. Le quattro colonne, hanno sopportato – in quasi 2000 anni – tutte le avversità della Storia. Durante un bombardamento nel settembre del 1943 due bombe caddero nell’atrio tetrastilo della Casa del Fauno (estesa su un intero isolato per circa 3 mila metri quadrati), e rasero al suolo tre delle quattro colonne corinzie in tufo, decorate in stucco. Rimaneva integra solo la colonna esposta a Nord.

Altri danni li ha causati il terremoto del 1980. La mano dell’uomo subito dopo i due eventi distruttivi, è intervenuta ricostruendo le colonne, ma utilizzando i metodi e materiali in uso all’epoca, rivelatisi in seguito non idonei, ed innescando processi di fratturazione e frammentazione. 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.