Comuni

Palma Campania, la Scuola “De Curtis” sostiene la ricerca: uova di solidarietà per combattere la fibrosi cistica

loading...

Palma Campania, 17 Marzo – L’Istituto Comprensivo 1 “Antonio De Curtis” di Palma Campania ha aderito alla campagna “Le uova per la ricerca sulla fibrosi cistica”, grazie alla disponibilità e sensibilità della dirigente scolastica, prof.ssa  Annamaria Franzoni. Dopo aver acquistato le uova ed avvalorato con un contributo la ricerca, l’impegno della scuola palmese si concretizzerà nella giornata di lunedì 26 marzo quando, alle ore 16:45, nella sala teatro della scuola di via Municipio, ci sarà la proiezione del film “Foreverland”. L’iniziativa è aperta a tutti i docenti e agli alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado e ai rispettivi genitori: questi ultimi potranno contribuire a loro volta acquistando le uova per alimentare solidarietà e ricerca.

La scuola “De Curtis”, sensibile alle problematiche di chi soffre, da sempre  attenta all’educazione sociale e civica, con empatia, vuole essere solidale con i volontari disponibili a portare nelle scuole temi che riguardano l’inclusione sociale dei “deboli”, dando rilievo alla ricerca finalizzata ad aiutare i malati in una vita migliore.

Foreverland è il film che racconta la Fibrosi cistica, la più diffusa, complessa e grave fra le malattie genetiche, ma poco nota. Malattia invisibile, così chiamata perché apparentemente non dà a i vedere sintomi. Chi la vive è in un continuo altalenare di cure fin dal mattino, di esercizi respiratori, di privazioni, di frequenti soggiorni in ospedale. Fin dalla nascita la malattia diventa compagna di vita, nella speranza di combatterla. Il film, tratto da una storia vera, parla di coraggio, di sogni e delusioni, di sofferenza e amore per la vita. Sollecita lo spettatore a riflettere sulla malattia, a dare più valore all’esistenza, ad essere solidale con chi è stato meno fortunato. Il messaggio più profondo è proprio questo: il valore della vita degna di essere vissuta in ogni istante e in ogni aspetto.

Dopo la proiezione si inviteranno i ragazzi ad esprimere le proprie impressioni,  creando un albero delle emozioni di cui faranno tesoro.

Un italiano su 25-30 circa è portatore sano di fibrosi cistica, ma può generare un figlio malato. Chi nasce con la fibrosi cistica avrà una vita complicata, nonostante i progressi della ricerca. Questo si può prevenire con esami specifici.

Le riflessioni della giornata convergeranno sulla grande forza che hanno i bambini, i ragazzi, i giovani affetti da fibrosi cistica a cui giungerà l’afflato fraterno di tutti i presenti.

La scuola è anche questo: far germogliare i generosi sentimenti dei ragazzi.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.