Comuni

Napoli, sopralluogo di Borrelli al reparto pediatria del I Policlinico chiuso a causa del crollo di una controsoffittatura.

Borrelli:” La Soprintendenza ha bloccato i lavori a causa di un abuso degli anni 80. A questo punto chieda abbattimento o dia ok per riapertura. I bambini non possono più aspettare”.

 

Napoli, 20 Dicembre – Grave situazione al I Policlinico di Napoli: il quarto piano del reparto pediatria, dotato di 15 posti letti, è chiuso da oltre  un anno per un crollo di una controsoffittatura. Il reparto aveva subito una ristrutturazione due anni fa. “Dopo il crollo la Soprintendenza ha bloccato i lavori  – spiega il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli membro della commissione sanità – perché ha scoperto che vi era stato commesso un abuso edilizio per costruire una stanza in più negli anni 80.

Questo reparto, destinato ai bambini, conta 15 posti letto che non sono certo pochi. E’ già di per sé grave che sia inutilizzato da un anno  ma che un reparto di una struttura ospedaliera abbia subito negli anni 80 dei lavori abusivi sembra incredibile”. “A questo punto però ho chiesto alla Sovrintendenza di esprimersi rapidamente per far riaprire il reparto mettendolo in sicurezza oppure di chiedere l’abbattimento della stanza abusiva. I bambini malati non possono aspettare l’immobilismo burocratico”– ha commentato Borrelli.

 


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa