Comuni

Napoli, Scuola: ripresa dei lavori alla “Musto Fedro” all’Arenella

loading...

Napoli, 28 Novembre – “L’approvazione da parte del Comune di Napoli della transazione con la ditta concessionaria dei lavori per la realizzazione e completamento dei lavori della scuola media “Musto” e della materna “Fedro” in via S. Ignazio di Lojola, dopo almeno 10 anni di contenzioso, costituisce una vittoria per l’intera comunità scolastica del Rione Alto e dei Camaldoli – dichiarano il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli e il capogruppo di Europa Verde alla V Municipalità Rino Nasti – La nuova scuola, sinora pronta al 90%, sarà completata con interventi che garantiranno il rispetto della normativa di prevenzione incendi, adeguamento antisismico e soprattutto efficientemente energetico, anche con l’inserimento di pannelli fotovoltaici.

Per dieci anni insieme a tutti i cittadini del quartiere, abbiamo ripetutamente chiesto che quest’opera, definita l’eterna incompiuta del Rione Alto, fosse portata a compimento. In un periodo mai così critico per la scuola, con l’assoluta necessità di reperire spazi per garantire il rispetto delle normative anti-covid, lo sblocco di un impasse durato fin troppi anni, è un incoraggiamento alla comunità scolastica dell’Arenella e di Chiaiano” concludono i rappresentanti di Europa Verde.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.