Politica

Napoli, Lanzotti (FI): “Villa Floridiana al Comune? Bonisoli ignori disastrose velleità De Magistris”

Napoli, 30 Gennaio – “De Magistris chiede al Ministro Bonisoli di gestire la Villa Floridiana al Vomero? Incredibile! Aldilà di ogni immaginazione viste le condizioni dei parchi e dei giardini della città, quelli che il comune dovrebbe curare e manutenere”. Lo afferma il capogruppo di Forza Italia del Consiglio comunale di Napoli Stanislao Lanzotti.

“E quali sarebbero le credenziali di efficienza ed efficacia che il Comune di Napoli presenterebbe al Governo? Per caso il modello di gestione è quello messo in campo per la Villa comunale ridotta in condizioni indescrivibili? O quella del Parco Gaetano Errico a Secondigliano, se ci vogliamo spostare in periferia, praticamente da rifare daccapo?”, si chiede Lanzotti.

“Per il bene di Napoli e della villa Floridiana – chiosa l’esponente di Forza Italia – suggerisco al ministro Bonisoli di non alzare neanche il telefono se nel display dovesse apparirgli un numero di Palazzo San Giacomo. Lo esorto, invece, ad occuparsi in prima persona e con gli strumenti in capo al suo Ministero, della manutenzione della Villa Floridiana e, perché no, anche della Villa Comunale e del Parco Gaetano Errico”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa