Comuni

Napoli, il parapetto in pietra di rampe Paggeria cade a pezzi: vergogna a due passi da piazza Plebiscito

loading...

Verdi: “Situazione indegna, turisti e residenti rischiano di essere colpiti dai calcinacci. Intervenga il Comune”

 

Napoli, 1 Marzo – “Riteniamo indegne le condizioni del parapetto in pietra che delimita la carreggiata di rampe Paggeria, la storica stradina che da piazza Plebiscito conduce a piazzetta Salazar”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, il consigliere del Sole che Ride alla I Municipalità Gianni Caselli e la portavoce Benedetta Sciannimanica.

“Il parapetto è sempre più corroso e deteriorato. Molto spesso si staccano dei calcinacci che rovinano sulla parte sottostante della rampa, rischiando di colpire turisti e residenti di passaggio lungo la strada o la scalinata che dalla prima rampa conduce in piazzetta Salazar. Negli ultimi giorni l’area interessata dalla caduta dei detriti è stata transennata ma il problema va affrontato in maniera organica. Abbiamo provveduto a segnalare la situazione al Comune di Napoli per richiedere al più presto un intervento di ripristino del parapetto con la sostituzione delle parti mancanti, in modo da eliminare il pericolo e restituire dignità all’asse viario”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.